Ricerca per l'innovazione della scuola italiana
Carcamento contenuti...

Secolo XVII

La sottoserie ‘Seicentine’ si compone di 100 unità, che andavano ad arricchire l’allestimento della stanza del Seicento del Museo Nazionale della Scuola, ove erano raccolti ricordi, documenti e volumi originali relativi a scuola ed educazione nel secolo XVII. I volumi rappresentano bene alcuni aspetti salienti della scuola dell’età barocca: caratterizzata in prevalenza dalle necessità della Controriforma Cattolica. Di qui il sorgere di ordini religiosi dedicati esclusivamente alle attività educative, come i Barnabiti, gli Scolopi e, soprattutto, i Gesuiti, che andarono elaborando un nuovo tipo di istituto scolastico in cui retorica e cultura classica venivano richiamate ad una funzione morale. Fu favorito, inoltre, il sorgere dei Collegi che ebbero in Italia il momento più importante della loro storia: essi si proponevano, infatti, di giungere alla formazione spirituale e morale dei giovani attenendosi ai principi della religione Cattolica. La Chiesa, attraverso gli ordini religiosi e il controllo delle autorità diocesane, giunse quasi al monopolio della scuola, anche se non mancarono casi di scuole laiche, come quello che il Comune di Verona affidò ad Orlando Pescetti, ma anche queste si uniformarono al modello di insegnamento Controriformistico.

I ragazzi fin dall’età di cinque anni venivano iniziati agli studi letterari (che comprendevano grammatica, cioè insegnamento del latino e del greco, la poetica, la retorica, la dialettica, la storia, un po’ di autori italiani), l’aritmetica era limitata a uso degli affari pratici, mentre le scienze matematiche erano considerate troppo alte per esser adeguate dalle menti dei fanciulli, che venivano comunque educati alle facoltà di ragione e di memoria ritenute parte dello spirito. Agli studi giovanili seguivano tre anni di un corso filosofico




Testo
Ingrandisci
Gérard Pelletier e Buon Bourbon, Reginae eloquentiae palatium sive exercitationes oratoriae, presso S. Bénard, 1664, frontespizio.
Ingrandisci
Gérard Pelletier e Buon Bourbon, Reginae eloquentiae palatium sive exercitationes oratoriae, presso S. Bénard, 1664, dedicatoria.
Ingrandisci
Onofrio Orobuoni da Piacenza, Osservazioni sopra la lingua volgare, Stampa Ducale di Giovanni Balzachi, Piacenza, 1667, frontespizio.
Ingrandisci
Giacomo Pergamini da Fossombrone, Il memoriale della lingua italiana, presso Giovan Battista Ciotti, Venezia, 1617, frontespizio.
Ingrandisci
Eleganze Insieme con la copia della lingua toscana e latina scielte da Aldo Manutio, presso Altobello Salicato, Venezia, 1609, frontespizio.
Ingrandisci
Francesco Feliciano Veronese, Libro di aritmetica e geometria Speculativa e practicale, presso Giovanni Giacomo Herz, Venezia, 1659, p. 1.
Ingrandisci
Giuseppe Maria Figatelli, Ristretto aritmetico, presso Andrea Cassiani stampator ducale, Modena, 1664, frontespizio.
Ingrandisci
Giuseppe Maria Figatelli, Ristretto aritmetico, presso Andrea Cassiani stampator ducale, Modena, 1664, frontespizio.
Ingrandisci
Ruini Carlo, Del cavallo infermità et suoi rimedii, presso Fioravante Prati, Venezia, 1618, frontespizio.
Ingrandisci
Ruini Carlo, Del cavallo infermità et suoi rimedii, presso Fioravante Prati, Venezia, 1618, p. 41.
Ingrandisci
Ruini Carlo, Del cavallo infermità et suoi rimedii, presso Fioravante Prati, Venezia, 1618, p. 247.
Ingrandisci
Alberto Caprara, Insegnamenti del vivere del conte Alberto Caprara a Massimo suo nipote, presso l’erede di Domenico Barbieri, Bologna, 1672, frontespizio.
Ingrandisci
Alberto Caprara, Insegnamenti del vivere del conte Alberto Caprara a Massimo suo nipote, presso l’erede di Domenico Barbieri, Bologna, 1672, illustrazione.
Ingrandisci
Alberto Caprara, Insegnamenti del vivere del conte Alberto Caprara a Massimo suo nipote, presso l’erede di Domenico Barbieri, Bologna, 1672, illustrazione.
Ingrandisci
Della educazione civile. Secondo la commune opinione de Filosofi, presso Comino Ventura, Bergamo, 1609, frontespizio.
Ingrandisci
D’Orazio Lombardelli, Gli aforismi scolastici, presso Salvestro Marchetti, Siena, 1653, frontespizio.
Ingrandisci
D’Orazio Lombardelli, Gli aforismi scolastici, presso Salvestro Marchetti, Siena, 1653, pp. 82-83.
Ingrandisci
Filippo Gesualdo, Plutosofia, Presso Perin libraro, Vicenza, 1600, frontespizio.
Ingrandisci
Filippo Gesualdo, Plutosofia, Presso Perin libraro, Vicenza, 1600, illustrazione.
Ingrandisci
Guglielmo Mechonius, Hermathene, Hoc est Mercurii ac Palladis Simulacrum, De Recta Institutione Juventutis Scholastica, presso Joannis Gorlini, Francoforte, 1673, illustrazione.