Ricerca per l'innovazione della scuola italiana
Carcamento contenuti...

Il Fondo di elaborati e sussidi didattici

Nel 1925 fu organizzata a Firenze la prima Mostra didattica nazionale (1 marzo-15 aprile), promossa dal professor Giovanni Calò, ordinario di pedagogia all’Università degli Studi di Firenze, al fine di raccogliere ed esporre materiale didattico proveniente da tutte le scuole italiane di ogni ordine e grado. Con la chiusura della Mostra, Calò propose ed ottenne dal ministro della Pubblica Istruzione Pietro Fedele, di realizzare una mostra permanente per non disperdere ma valorizzare i materiali raccolti. Nelle sale messe a disposizione in via Laura dalla Facoltà di Scienze politiche e sociali dell’università fiorentina, nacque così il primo nucleo dell’odierno patrimonio documentale di Indire, il Museo didattico Nazionale.

La definitiva istituzionalizzazione avvenne qualche anno più tardi e, nel 1941, fu istituto il Centro Didattico Nazionale (CDN), il quale inglobò il museo nella nuova sede di Palazzo Gerini dove tuttora, da Indire, è conservato il fondo storico.

L’allestimento museale del 1941 era articolato in sezioni in cui ogni sala era dedicata a uno specifico settore d’insegnamento, in base alla provenienza del grado scolastico: secondo i suoi ideatori, non doveva essere solo uno luogo di mera conservazione, ma un ‘laboratorio’ di ricerca nel quale raccogliere e analizzare le migliori pratiche educative prodotte all’interno della scuola italiana.
Se nelle sale del piano terreno si dava ampio spazio alla documentazione ‘storica’ dei metodi d’insegnamento dell’antichità, nelle sale del primo piano, dedicate alla scuola secondaria e all’istruzione tecnica, si trovavano i materiali più propriamente tecnico-scientifici che il museo metteva in esposizione. Il museo accoglieva infatti, sia sussidi didattici inviati dalle scuole, sia strumenti tecnici autoprodotti dagli alunni, che erano contemporaneamente testimonianza della messa in atto della formazione e dell’attività quotidiana svolta, e sussidi per lezioni successive. IL CDN non mostrava solo la ‘didattica della scienza’, ma anche i suoi risultati e punti di forza attuali, tentando di mantenerne viva la valorizzazione. Il museo mantenne sempre un rapporto diretto con le industrie locali, già fornitori di materiali per la mostra del 1925, e nelle sale erano infatti esposti oggetti provenienti da ditte specializzate, quale il Siderarium per lo studio della volta celeste costruito dalle Officine Galileo di Firenze.

Negli anni del dopoguerra molti di quegli oggetti sono stati restituiti alle scuole di origine o in parte persi a causa dei danni dell’alluvione. I pezzi superstiti sono tuttora conservati nelle sale e negli ambienti della sede fiorentina di Indire.

Il Fondo di elaborati e sussidi didattici è oggi composto di 54 elaborati prodotti da scuole d’arte e tecniche-professionali. Rientrano in questo fondo anche oggetti ‘artistici’ quali sculture lignee, terrecotte e oggetti a sbalzo realizzati da istituti d’arte e scuole tecniche-artistiche. Tali manufatti si caratterizzano per essere frutto di competenze non solo manuali, ma anche tecniche, perché realizzati con strumentazioni professionali quali torni meccanici, frese e macchine da taglio per la lavorazione del marmo e altiforni per la cottura delle ceramiche.




Testo
Ingrandisci
Sala degli Istituti nautici, Museo del CDN in Palazzo Gerini a Firenze, 1941.
Ingrandisci
Pendolo, esposto nella Sala degli Istituti nautici, Museo del CDN in Palazzo Gerini a Firenze, 1941.
Ingrandisci
Sala degli Istituti nautici, Museo del CDN in Palazzo Gerini a Firenze, 1941.
Ingrandisci
Oggetto esposto nella Sala degli Istituti Tecnici, Museo del CDN in Palazzo Gerini a Firenze, 1941.
Ingrandisci
Coppa in bronzo, esposta nella Sala degli Istituti nautici, Museo del CDN in Palazzo Gerini a Firenze, 1941
Ingrandisci
Sala degli Istituti Tecnici, Museo del CDN in Palazzo Gerini a Firenze, 1941.
Ingrandisci
"Macchina prova a fatica a flessione intermittente", anni Quaranta.
Ingrandisci
Sala degli Istituti Tecnici per Geometri, Museo del CDN in Palazzo Gerini a Firenze, 1941.
Ingrandisci
Mappamondo, anni Quaranta.
Ingrandisci
Mobile radio modello Multigamma prodotto da IMCA Radio di Alessandria, anni Quaranta.
Ingrandisci
Modellino di laboratorio-officina, anni Quaranta.
Ingrandisci
“Le scuole d’arte applicata in Italia”, disegno su legno, anni Quaranta.
Ingrandisci
Cesta di frutta in ceramica dipinta, anni Quaranta.
Ingrandisci
Conchiglia in ceramica dipinta, anni Quaranta.
Ingrandisci
Busto in gesso, anni Quaranta.
Ingrandisci
Scatola di vetrini per proiezioni luminose, 8x8 cm, anni Trenta.
Ingrandisci
Scatola di caratteri mobili per tipografia scolastica, anni Quaranta.
Ingrandisci
Piatto in rame decorato a sbalzo, anni Quaranta.
Ingrandisci
Scultura lignea, anni Quaranta.
Ingrandisci
Scultura lignea, anni Quaranta.
Ingrandisci
Scultura bronzea, anni Quaranta.
Ingrandisci
Piastrella smaltata, anni Quaranta.
Ingrandisci
Coppa lignea, anni Quaranta.
Ingrandisci
Formella in rame decorato a sbalzo, anni Quaranta.
Ingrandisci
“Busto di Ballilla”, terracotta, anni Quaranta.
Ingrandisci
Modellino ligneo di banco scolastico, anni Quaranta.
Ingrandisci
Pittura su legno, anni Quaranta.
Ingrandisci
Vaso in ceramica dipinta, anni Quaranta.
Ingrandisci
Busto in marmo, anni Quaranta.
Ingrandisci
Quadro con relazioni d’analisi chimica, 1940.
Ingrandisci
“Ippopotamo”, scultura in marmo, anni Quaranta.
Ingrandisci
Statuetta in bronzo, anni Quaranta.
Ingrandisci
“Tacchino” in terracotta invetriata, anni Quaranta.
Ingrandisci
Modellino di tempio, legno e cartone, anni Quaranta.
Ingrandisci
Busto in marmo, anni Quaranta.
Ingrandisci
Busto ritratto in gesso, anni Quaranta.
Ingrandisci
Sala del Siderarium, Museo del CDN in Palazzo Gerini a Firenze, 1941.
Ingrandisci
Sala degli Istituti Tecnici, Museo del CDN in Palazzo Gerini a Firenze, 1941.