Ricerca per l'innovazione della scuola italiana
Carcamento contenuti...

Metodi e strumenti

Dai suoi albori la pedagogia speciale si dota di metodi e strumenti peculiari, strumenti che in alcuni casi avranno una vasta diffusione anche al di fuori di questo ambito, come nel caso dei materiali e delle strategie didattiche inizialmente sviluppate da Maria Montessori per i bambini con disabilità intellettiva. Un ruolo di primo piano, oggi come nel passato, è svolto dalle soluzioni tecnologiche che permettono di superare le difficoltà legate alla disabilità.




Testo
Ingrandisci
Aula “atelier”, Centro Internazionale L. Malaguzzi, Reggio Emilia, 2015. Foto G. Moscato, Indire.
Ingrandisci
Educazione della mano con il casellario Romagnoli, Istituto per ciechi, Cagliari, anni Quaranta.
Ingrandisci
Lezione all'aperto con sussidi didattici, Scuola elementare all’aperto Gaetano Negri per alunni motulesi, Milano, anni Trenta.
Ingrandisci
Attività all’aperto con sussidi didattici, Regia scuola di metodo per insegnanti e maestri istitutori dei ciechi di Roma, anni Quaranta
Ingrandisci
Lezione di cucito all’aperto, Scuola elementare all’aperto Gaetano Negri per alunni motulesi, Milano, anni Trenta.
Ingrandisci
Laboratorio di falegnameria, presso una cooperativa guidato da un’insegnante con disabilità nell’ambito di un progetto di sensibilizzazione sulle differenze, Scuola Primaria Paritaria Edith Stein, Parma, 2014.
Ingrandisci
Studio della botanica con sussidi didattici, Istituto per ciechi, Cagliari, anni Quaranta
Ingrandisci
Scuola elementare all’aperto Sante de Sanctis per alunni anormali psichici, Milano, anni Trenta.
Ingrandisci
Nella fattoria, Scuola elementare all’aperto Sante de Sanctis per alunni anormali psichici, Milano, anni Trenta.
Ingrandisci
Nell'orto scolastico, Scuola speciale di Stato (Croce Rossa Italiana) Mergozzo (VB), anni Cinquanta.
Ingrandisci
Attività di gruppo, Istituto Comprensivo Baccio da Montelupo, Montelupo Fiorentino (FI), 2013. Foto G. Moscato, Indire.
Ingrandisci
Lavoro manuale dei bambini non vedenti e ipovedenti con la creta, scuola materna, anni ‘60. Foto Farabola. Archivio Fotografico Istituto dei Ciechi di Milano-Museo Louis Braille.
Ingrandisci
Aula di audiologia, Pio Istituto dei Sordi, Milano, anni ‘60. Archivio Fondazione Pio Istituto dei Sordi, Milano.
Ingrandisci
Laboratorio di lettura, con la guida di un’insegnante con disabilità nell’ambito di un progetto di sensibilizzazione sulle differenze, Scuola Primaria Paritaria Edith Stein, Parma, 2014.
Ingrandisci
Macchinari per la stampa Braille, Istituto Nazionale dei Ciechi Vittorio Emanuele II, Firenze, anni Quaranta