Ricerca per l'innovazione della scuola italiana
Carcamento contenuti...

Verso il mondo del lavoro

Nelle scuole speciali si cerca di superare l’approccio assistenzialistico alla disabilità, insegnando agli studenti dei lavori manuali, attività pensate per contrastare l’inattività ma che spesso non tengono conto delle effettive abilità e inclinazioni. Dagli anni Ottanta, anche il diritto all’istruzione superiore sarà riconosciuto;  parallelamente la scuola cercherà di dare risposta ai bisogni di inclusione sociale, individuando strategie di transizione dalla scuola al lavoro.




Visita il Patrimonio Storico
Indire, via M. Buonarroti 10 - 50122 Firenze - Centralino: 055.2380301 - Fax centrale: 055.2380395 - Posta Elettronica Certificata PEC: indire@pec.it - Codice Fiscale: 80030350484 | Privacy Note legali
Testo
Ingrandisci
Esercitazioni di pittura, Istituto per sordomuti, Firenze, anni Quaranta.
Ingrandisci
Laboratorio di falegnameria, Istituto per sordomuti, Firenze, anni Quaranta.
Ingrandisci
Esercitazione al centralino, Istituto per ciechi, Cagliari, anni Quaranta.
Ingrandisci
Laboratorio calzaturiero, Istituto per sordomuti, Firenze, anni Quaranta.
Ingrandisci
Laboratori di legatoria, Istituto Nazionale dei Ciechi Vittorio Emanuele II, Firenze, anni Quaranta.
Ingrandisci
Uno studente del Liceo Artistico Ripetta di Roma con autismo partecipa a un progetto di alternanza scuola lavoro presso l’Archivio di Stato di Rieti, danneggiato dal terremoto, 2017.
Ingrandisci
Lavori con il legno, Istituto per sordomuti, Firenze, anni Quaranta.
Ingrandisci
Lavori di cucito, Istituto per sordomuti, Firenze, anni Quaranta.
Ingrandisci
Economia domestica, Scuola elementare all’aperto Umberto di Savoia per alunni gracili, Milano, anni Trenta.
Ingrandisci
Laboratorio di lavorazione della paglia, Istituto Nazionale dei Ciechi Vittorio Emanuele II, Firenze, anni Quaranta.
Ingrandisci
Alternanza scuola lavoro in una cucina, Istituto Tecnico Cristoforo Colombo di Porto Viro (Rovigo), 2014.