Ricerca per l'innovazione della scuola italiana
Carcamento contenuti...

Gli educatori religiosi

Di grande rilievo nell’800 sono i testi, sia scolastici sia di lettura ed educativi per la gioventù, scritti o revisionati da parte di religiosi e uomini di chiesa. Fino all’Unità d’Italia infatti, della formazione scolastica dei giovani di famiglia borghese, sono principalmente incaricati gli enti religiosi. Nei testi redatti, con storie e nozioni raccontate in forma elegante, s’intendeva offrire alle «persone d’indole eletta» e «soprattutto alle donne gentili» una «lettura più conveniente e insiem più dilettevole» che le portasse a innamorarsi della «virtù che si vede innanzi dipinta con le sue forme più vaghe e più lusinghiere…».

Le Novelle morali pubblicate nel 1782 da Francesco Soave, della Congrega dei padri comaschi, fu un testo, «ad uso dei fanciulli», che ebbe molta fortuna: proposto in tutte le scuole d’Italia, fu poi tradotto in molte lingue e più volte ripubblicato nel corso dell’800. Edito anche nel 1837 per la “Biblioteca scelta di opere italiane antiche e moderne”, mirava a fornire una lettura piacevole ma anche carica di valori morali e virtuosi. Nell’edizione Silvestri di Milano del 1929, troviamo poi l’opera Novelle morali e racconti storici ad istruzione de’ fanciulli, scritta dal sacerdote Giuseppe Taverna, nel periodo del suo rettorato al Collegio Lalatta di Parma, e i cui temi sono in gran parte ripresi dall’Amico dei fanciulli di Berquin. Sue anche le Prime letture de’ fanciulli, raccolta di componimenti brevi che richiamano sempre a principi edificanti.




Visita il Patrimonio Storico
Indire, via M. Buonarroti 10 - 50122 Firenze - Centralino: 055.2380301 - Fax centrale: 055.2380395 - Posta Elettronica Certificata PEC: indire@pec.it - Codice Fiscale: 80030350484 | Privacy Note legali
Testo
Ingrandisci
F. Soave, Choix de contes moraux, Paris, Baudry, Librairie Europeénne, 1842.
Ingrandisci
Antiporta e frontespizio. Rosa di Tannenburgo, antica storia pegli adulti e per l’infanzia; narrata dal canonico Cristoforo Schmid ad uso delle scuole d’Italia. Venezia, Tip. di G. Grimaldo impr., 1863.
Ingrandisci
Antiporta. La buona Fridolina e la cattiva Dorotea: racconto. Del canonico Cristoforo Schmid; ad uso delle scuole d’Italia. Venezia, Tip. di G. Grimaldo, 1861.
Ingrandisci
F. Soave, Novelle morali ad uso dei fanciulli, Milano, per Giovanni Silvestri, 1837.
Ingrandisci
Frontespizio. F. Soave, Novelle morali ad uso dei fanciulli, Milano, Giovanni Silvestri, 1837.
Ingrandisci
Ritratto dell’Abate Giuseppe inciso da Luigi Rados. G. Taverna, Operette diverse per ammaestramento de’ fanciulli, Milano, Giovanni Silvestri, 1837.
Ingrandisci
L. Clasio, Favole e sonetti pastorali di Luigi, Firenze, presso Leonardo Marchini, 1827.
Ingrandisci
Antiporta e frontespizio. Teofilo ossia il giovane romito: racconto. Del canonico Cristoforo Schmid; ad uso delle scuole d’Italia, Venezia, Tip. di G. Grimaldo, 1861.
Ingrandisci
Copertina. Vite di S. Francesco D’Assisi e di Santa Eufrosina. Volgarizzate da Fra Domenico Cavalca con note e schiarimenti del sac. Francesco Cerruti dottore in lettere. Torino: Tip. dell’Oratorio di S. Franc. di Sales, 1870.
Ingrandisci
Frontespizio. A. Ranieri, Frate Rocco, ovvero Piccoli frammenti morali, Firenze, coi tipi di M. Cellini e C., 1859.